Loading...

I’M IdroMiele

La sinergia di due prodotti basici, come acqua e miele, per la nascita di una bevanda antica, ma completamente rivisitata.

"il futuro ha un cuore antico"

E’ possibile incorrere in enormi errori di valutazione se si guarda al passato con una visione essenzialmente critica e distruttiva. Partire dalla nostra storia per crearne una nuova. Questo si può. Questo vorrei fare. Questo sto facendo.

I’M IdroMiele

l’idromiele è il più antico fermentato della nostra storia. Prima della scoperta del vino, o della birra, c’era lui.

Poi, improvvisamente, scomparve dalle nostre tavole, e quello che rimase era solo il nome e il sapore tramandato da pochi eletti che avevano avuto modo di assaggiarlo.
A me piacciono le sfide, e forse questa è quella più rischiosa : trovare uno spazio nel mondo per questo prodotto, completamente rivisitato, per farlo tornare in uso nelle nostre tavole. “I’M IdroMiele” è un fermentato che raggiunge i 14° alcolici. E’ composto da una miscela di  mieli monofloreali Giorgio Poeta di altissima qualità, e pura acqua di sorgente, che vengono fatti fermentare per creare questa bevanda alcolica.

Il tempo ne fa da padrone, con circa 15 mesi di attesa, per avere un prodotto adatto al nostro palato, e al nostro naso. Odori freschi, erbacei, di frutta bianca, ananas e pesca sciroppata. In bocca rimane pieno, scolpito, non estremamente dolce, con una buona spalla acida, da cui spicca una leggera dolcezza che richiama velocemente il bicchiere.

shop

Cristina Bowerman

Controcorrente, pungente, geniale.
Cristina è un po' come l’Idromiele. Partita da un sogno, ha conquistato palati e cucine di tutto il mondo, diventando l’unica donna Chef Ambassador dell’Expo 2015, oltre ad essere una chef stellata Michelin.
Ecco perché ha riconosciuto nell’I’M Idromiele un suo alleato, un fedele compagno nelle sue sperimentazioni.
Entrambi con carattere, entrambi con una storia, entrambi con una via comune : partire da una piccola città alla conquista delle alte cucine. Lei da Cerignola, Lui da Fabriano.

Alè Cristina!